.
Annunci online

si legge makìa (blog a prova di imitazioni)
Sulle polemiche sui titoli di studio e la fascia di capoclasse del Ferrara
post pubblicato in Preghiera, il 10 febbraio 2008


A me che Ferrara avesse ed abbia l’anima del boia di supplenti, il gusto della teppa, il sangue caldo dei prepotenti magari scherzosi e bonaccioni ma crudeli con la lingua e con il cuore o l’amor proprio dei malcapitati deboli, non cale.
Non so, non ricordo come mi ci comportassi io in classe, certo è che ridevo anch’io alle battute splendide ed ai felici prendi in giro quotidiani se poteva capitarmi di stare dentro il branco ma dal mio gruppetto spalle coperte.

Non ero quel che si dice uno che prendeva l’iniziativa, piuttosto uno che ci faceva se serviva. Un consigliori ora come allora. Nella mia vita in pubblico scolare ricordo essenzialmente questo, o solitudine tranquilla che a me nessuno s’azzardava, oppure complice di boss, ma quelli veri. Probabilmente non gli avrei portato la cartella, perché per le mansioni pratiche c’erano scagnozzi meno utili della mia provata intelligenza. Ragazza alla pari, va.


ricchiuti


Mai fatta capoclasse, ero troppo piccola. Di età e di altezza.
Eppure ero brava, sinceramente appassionata allo studio e riuscivo a
primeggiare anche sui compagni più maturi. E niente, veniva scelta
puntualmente Cinzia, più grande, una sorta di corazziere elementare.
E fanculo pure la capoclasse.
Tanto poi andavo a casa e nello specchio ero già una ballerina.
Cresciuta con le spaccate dell' americana.

Tess


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giuliano ferrara

permalink | inviato da makia il 10/2/2008 alle 21:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Sfoglia gennaio        marzo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv