.
Annunci online

si legge makìa (blog a prova di imitazioni)
"Questa roba è immorale"
post pubblicato in Sono un gangster, il 14 novembre 2009


 

No scusate, ma quel gesto del testo del ddl sulla porcata breve sbattuto
contro la porta della sala Maccari al Senato mi fa impazzire. Altro che
scena isterica. Fosse stato per me glielo avrei sbattuto in faccia a Gasparri
e Quagliariello. Ma si sa che io non potrei mai fare il capogruppo al Senato.
Eleonora ci fa un baffo a noi. ( Enjoy Art Blakey )




Teresa
E non dite che non ve l' avevo detto
post pubblicato in Sono un gangster, il 22 febbraio 2008


Sull' unica chiave di svolta possibile per la Sicilia.

E adesso al primo che sento dire che la Marianna Madia capolista
alla Camera per il Pd nella Circoscrizione Lazio1 è stata scelta
perchè è la figlia dell' amico di Veltroni, o perchè pare lavori alla
Segreteria di Letta, gli mozzico l' orecchio.
Perchè se non inserisce i giovani, allora non era un vero partito nuovo,
perchè se li inserisce e sono degli sconosciuti, ma che cavolo sta facendo
lui e questa sua voglia di cambiare tutto, e se li inserisce e un poco di politica
l' hanno già masticata anche se ai margini, allora sono tutti cooptati.
Il problema è che nessun altro partito riuscirà a farne di candidature così e
allora zitti e mosca. Ci siamo capiti.


Teresa


Brambilla vs Finocchiaro a Ballarò
post pubblicato in Preghiera, il 20 febbraio 2008




Pur nella sua folkloreggiante "pochezza", d'estrazione leghistiko-grilliana, falsa ad arte o costruita in spontaneité, nulla al mondo, neanche la Brambilla, potrà cancellare l'impressione di noia pedagogica del signor di Finocchiaro.
Sembrava la maestrina nella classe dei ripetenti che spiegava come le tasse questa volta, e che avevate capito, si tagliavano e poi bla bla e il decreto e la concertazione.
Tra lei e la Borsellino, nel ticket pistola giù in Sicilia, lei é quella dalla Anna mozza.
Personaggio da Questura, é la risposta seriosa della città s'incazza. Non ha un reggicalze solo perché, oltre le palle, da reggere ha dei fili. I soliti.

Immagino il raccapriccio e quanto deve esserle costato in tutti questi anni e tutti quei tailleur dover sopportare la riottosa plebe di sinistra, imputato stia al suo posto.

Ora può finalmente liberare la Mis(s)e che c'è in lui.


ricchiuti

Laico è laico ( e oggi lo ha dimostrato ). L' unico, forse, che ci crede veramente in questo Governo
post pubblicato in Sono un gangster, il 9 dicembre 2007


Vabbè, la difesa del Governo Prodi, che è puntuale come la morte e
la messa all' angolo della Binetti, inchiodata da due domande.
La prima, su di una fantomatica telefonata che avrebbe ricevuto la senatrice
prima del voto al Senato, da parte di Mons. Betori. 
La seconda che chiede come sia possibile per una rappresentante del Senato
votare contro un emendamento che sancisce uno dei princìpi che è nel cuore
della Costituzione. Che è nell' articolo tre.
Scrivendo in chiaro, ho detto in chiaro, che il Pd non può ospitare chi antepone
i suoi princìpi o meglio, i princìpi della Cei a quelli della Carta Costituzionale.
Sul grande laico della Rep, non avevamo dubbi.
E dalle righe dell' Unità parte il secondo avviso della Finocchiaro per Uolter.
A proposito, qualcuno ha visto il segretario del Pd in giro ?

Get this widget | Track details | eSnips Social DNA


Teresa
Sfoglia ottobre        dicembre
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv