.
Annunci online

si legge makìa (blog a prova di imitazioni)
Quel colpo in canna puntato contro di me
post pubblicato in Sono un gangster, il 28 aprile 2010


 

”Se dovessi dire potenzialmente qual’è il vulcano con ‘il colpo in canna’
direi che non è il Vesuvio ma l’isola di Ischia”. Lo ha detto il Capo della
Protezione civile, Guido Bertolaso, che nel corso di una conferenza stampa
ha illustrato il quadro dei rischi collegato ai vulcani in Italia.

Voi ve lo ricordate Giuliani denunciato dalla Protezione Civile per procurato
allarme prima del terremoto dell'Aquila?
Ecco.


Teresa
"Siamo un'armata Brancaleone"
post pubblicato in Sono un gangster, il 4 marzo 2010


 

"I militari sembrava che facessero l'ira di Dio... fan peggio di noi che siamo
l'armata Brancaleone. Con Bertolaso è una situazione difficile, io poveretta
più in là non posso andare.... perché ho persone che sono dei deficienti,
non ho persone tecniche...
".

Se pensate che l'abbia detto io vi state sbagliando di grosso. Perché i deficienti, secondo Manuela Manenti, (che ne parla ad Angelo Balducci) capo dipartimento
della Protezione civile e responsabile della funzione infrastrutture e strutture post
emergenziali per la ricostruzione dell'Abruzzo dopo il terremoto, sono i collaboratori
di Guido Bertolaso.

Amen.


Teresa
Houston, abbiamo una frana a San Fratello oggi
post pubblicato in Sono un gangster, il 22 febbraio 2010




In questo Paese si passa da una tragedia all' altra con una leggerezza mediatica
da fare invidia a tutti. Napoli è invasa dai rifiuti in periferia? Ecchisenefotte, Bertolaso
ha risolto il problema dei rifiuti.Di Giampilieri, per carità, nessuno sa come sia andata
a finire. Poi un bel giorno i cittadini si incazzano e vanno a protestare. Peccato che non
ci sia nessuno ad ascoltare. Dalle macerie al fango e senza mai risolvere nulla.


Teresa
Perché Sanremo è Sanremo
post pubblicato in Sono un gangster, il 19 febbraio 2010




Indignazione a mille per il ripescaggio della coppia Bertolaso-Cosentino.
Sandra Mastella dal suo eremo romano di Guantanamo, fa capire che
se non la candideranno alle regionali, invierà il suo ologramma sul palco
dell'Ariston.Si spera almeno in un intervento di Platini per placare
gli animi di tutti quelli che saranno trombati per l'effetto dell' operazione
simpatia nelle liste gelatinose.
E comunque io non uso passare l'aspirapolvere con un vestitino a 24 carati.
Questo mettetevelo in testa


Teresa
Perché Bertolaso si deve proprio dimettere
post pubblicato in I Giornaletti, il 17 febbraio 2010


 

Guido Bertolaso per il momento è dimissionario, ma visto che il governo gli ha respinto le dimissioni, continua a fare il suo mestiere e il suo dovere. Dopodiché domani vedremo”. E’ stata questa la dichiarazione del Capo della Protezione civile durante la sua audizione alla commissione Ambiente della Camera per presentare le modifiche decise dal governo sul decreto che avrebbe trasformato la Protezione civile in società per azioni.

Ma più che discutere sul contestatissimo decreto legge dal quale, per il momento, è stato espunto l’art. 16 (quello che prevedeva appunto la S.p.A.), ma sul quale rimangono intatte molte altre perplessità, a cominciare da quelle sull’art. 3 e il  lodo di impunità per tutte le strutture commissariali anche periferiche con il divieto di intraprendere nuove azioni giudiziarie e con la sospensione di quelle in corso fino al 2011, la questione vera per la quale si rendono necessarie le dimissioni di Bertolaso riguarda la sua evidente responsabilità oggettiva nei confronti di un sistema di corruzione diffusa, una rete di interessi tesa a favorire le stesse imprese negli appalti dei Grandi Eventi assegnati alla Protezione civile.

Un sistema che si auto-alimentava e traeva la sua efficienza dall’ inefficienza dello Stato. E non necessariamente solo nelle situazioni di emergenza. La richiesta di dimissioni per responsabilità oggettiva deriva dal principio stesso, affermato da Bertolaso, della presunta validità del sistema del fare e quindi della necessità di rendere prioritaria la variabile tempo rispetto al principio della trasparenza e del controllo. A questo va aggiunto che lo stesso Sottosegretario ha confermato l’esistenza di errori e di comportamenti impropri di suoi diretti collaboratori, giustificandosi in base al principio di delega e fiducia e all’ impossibilità temporale di poter controllare tutti gli atti.

Sono proprio queste affermazioni la dimostrazione diretta della fallacità di un sistema quasi extra-costituzionale  e di conseguenza dell’atto dovuto da chi è responsabile unico, rispetto alle scelte operate, di rassegnare le proprie dimissioni in ragione del principio di fedeltà allo Stato a cui più volte egli stesso ha fatto appello.

Tutto il resto, comprese le intercettazioni relative ai presunti massaggi al Salaria Sport  Village  svelano solo come i suoi collaboratori diretti tentassero di essere funzionali al sistema di scambio favori-abusi-appalti. Bertolaso non si deve dimettere perché si è avvalso o meno dei favori di una escort. Bertolaso si deve dimettere perché ha fallito nella sua missione. Lo faccia per difendere il lavoro impeccabile che la protezione civile ha svolto e svolge nel nostro Paese.

http://www.giornalettismo.com/archives/52037/perche-bertolaso-deve-proprio/


Teresa

Più che gelatina, merda
post pubblicato in Sono un gangster, il 12 febbraio 2010




"Alla Ferratella occupati di sta roba del terremoto perché qui bisogna
partire in quarta subito, non è che c'è un terremoto al giorno".
"Lo so" , (risate) "Per carità, poveracci". "Va buò".
"Io stamattina ridevo alle tre e mezzo dentro al letto". 

Quando ci mette le mani Bertolaso si passa dalle situazioni gelatinose
alla merdaccia. Del resto, ve la ricordate l'inchiesta sui rifiuti, quella per
la quale il santone della Protezione Civile è stato rinviato a giudizio a Napoli?
Ecco,ora vi schiarisco le idee su chi si dovrebbe vergognare in questo Paese.



Teresa
L' Italia che ama farà Guido ministro
post pubblicato in Sono un gangster, il 29 gennaio 2010




"Ciò che è accaduto quella notte, mi ha dato una grande forza. Ho lavorato con il
dolore nel cuore,ma con la gioia di poter essere utile al mio paese. Ci piacerebbe
che l'Italia fosse questa. L'Italia dei buoni sentimenti che ama e che sente di dover
essere utile".

Gli italiani sono brave persone che si vogliono bene. Importante che tutti considerino
gli immigrati dei criminali. Se così stanno le cose non mettetemi fra le brave persone.
Continuate a considerarmi una fabbrica dell'odio e non ci pensiamo più.



Teresa 
Rifiuti in Campania : l’incubo alle porte
post pubblicato in I Giornaletti, il 24 ottobre 2009


 


Settanta giorni ancora e poi Bertolaso lascerà il Commissariato per i rifiuti nella regione. Ma se da un lato è stata risolta la grave emergenza dei mesi passati, il problema è ancora lontano dall’ essere risolto.

Era fine settembre quando è riapparso in Campania il fantasma dell’ emergenza rifiuti. Lontano dal centro storico hanno ricominciato ad accumulare rifiuti e a dargli fuoco come documentato ampiamente da La Terra dei Fuochi . Colonne di fumo nero filmate quasi ogni giorno dai lettori che denunciano con la forza delle immagini quella che è la più grande catastrofe ambientale a “partecipazione pubblica”.

UN SALTO NEL PASSATO – Ma torniamo per un momento indietro riannodando i fili di quanto veniva annunciato ai media di tutto il mondo. Era fine marzo quando in pompa magna il premier inaugurava l’ inceneritore di Acerra . Quel giorno bastò premere il pulsante rosso che trasportava i rifiuti verso il primo forno e tutto il mondo emise un sospiro di sollievo vedendo sparire di colpo, dopo più di quindici anni, le montagne di rifiuti dalle strade della regione. Ma quello che tutti ignorano è che quell’ inceneritore si è fermato non appena si sono spente le luci della ribalta. E così ad un mese di distanza dall’inagurazione , le webcam installate dalla struttura di Bertolaso e riportate sul sito emergenzarifiuticampania hanno inquadrato costantemente quei camini spenti. Ogni tanto un po’ di fumo bianco a documentare che tutto l’impianto doveva ancora svolgere i collaudi per diventare totalmente operativo. Le ultime notizie hanno documentato ancora un fermo, negli ultimi dieci giorni, dovuto a non meglio specificati problemi di natura tecnica da risolvere a breve e sempre in attesa di questo fatidico gran collaudo che dovrebbe avvenire tra novembre e dicembre.

I CONTI NON TORNANO - Ma se nel frattempo l’inceneritore arranca, continua imperterrita la produzione di rifiuti da parte della popolazione al ritmo di 7mila tonnellate al giorno. A questo punto l’ unica via di fuga restano le discariche. Ma quella di Savignano Irpino ha già raggiunto la soglia dell’ esaurimento e le stime ufficiali parlano di chiusura fissata tra 119 giorni. Sant´Arcangelo Trimonte ne accoglie circa 800-1000 tonnellate al giorno; Terzigno più o meno la stessa quantità, e San Tammaro 1500 tonnellate giornaliere. Discorso a parte va fatto per la discarica di Chiaiano, dove i flussi prevedono almeno 1000 tonnellate al giorno, ma che è stata costretta a ridurre considerevolmente la quantità a causa degli smottamenti provocati da una frana, secondo quanto denunciato già a metà ottobre. Notizia che è stata prontamente smentita dal sottosegretario Bertolaso. Ricordiamo che le discariche sono diventate, in seguito al decreto Maroni sulla Sicurezza,  delle aree sottoposte a sorveglianza militare, per cui è molto difficile capire cosa stia davvero succedendo in quella zona. In ogni caso, pur volendo considerare la massima capacità per l’impianto di Chiaiano, è chiaro che l’addizione non torna.

TEMPI STRETTI – E’ molto probabile che lo stesso Berlusconi torni a farsi vivo per fare il punto sulla situazione in Campania. In ballo ci sarebbero le preoccupazioni della struttura del commissariato in previsione del passaggio di consegne già annunciato da Bertolaso in un recente intervento al Senato e del termine del piano di emergenza che, sempre sulle carte governative, è fissato per fine dicembre. Ma facendo un po’ di calcoli sulle reali capacità di smaltimento degli impianti e considerando che ogni frana, ogni smottamento, ogni malfunzionamento del forno ad Acerra, possono diminuirne l’assorbimento, è facilmente intuibile che i tempi per uscire dall’ emergenza stanno traslando di giorno in giorno. Senza contare che la capacità di riempimento delle discariche è a tempo determinato e che, esaurite le attuali, con i numeri della differenziata che non decollano, bisognerà realizzarne delle altre. Ma proprio nella zona già individuata dall’ ex commissario Gianni de Gennaro, quella del Formicoso , divampano le più furiose polemiche sia con le associazioni che con le amministrazioni locali. Forse non si riprodurrà la grave emergenza passata, ma di sicuro il problema è ancora ben lontano dalla risoluzione. E forse è davvero una strana coincidenza che la fine del mandato commissariale coincida con le elezioni regionali.



Teresa

Non sparate sul maiale
post pubblicato in Sono un gangster, il 27 aprile 2009


 

Voi lo vedete Cappellacci indignarsi con Berlusconi per la
decisione di spostare il G8 dalla Sardegna all' Abruzzo ?
Io no, francamente. E in ogni caso un bel po' di milioni
dei fondi Fas erano già arrivati sull' isola e dunque di cosa
si lamentano i sardi ?
Sono sicura che quel genio di Bertolaso, qualcosa si farà
venire in mente. Del resto questo è un paese dove un summit
o una tonnellata di sacchetti sono materie da Protezione Civile.
Occuparsi delle crepe nei muri che furono della Casa dello studente
invece, no. Doveva essere poco trendy.


Teresa
Pioggia e freddo. Evidentemente il terremoto da solo, non bastava
post pubblicato in Sono un gangster, il 14 aprile 2009




In tutto questo via vai di politici, strette di mani, foto con i terremotati
che hanno avuto almeno un lutto, e la Carfagna con i suoi Patch Adams,
una notizia fra le altre mi sembra degna di nota. Quella dove si spiega che
in seguito alla legge Brunetta, almeno 180 precari dell' Istituto nazionale di
geofisica e vulcanologia, stanno per perdere il posto. Ed è interessante
leggere che la rete sismologica viene monitorata soprattutto da questi
ricercatori, tecnologi, collaboratori tecnici e amministrativi non stabilizzandi.
Essì perché l' Ingv, udite udite, ha un organico molto ridotto e la Protezione
Civile dà i soldi con il contagocce. Ora, sarebbe interessante capire che
conversazioni facessero questi dell' Ingv con la Protezione Civile durante un
mese di eventi sismici abbastanza importanti in Abruzzo, epperò questa è
una domanda polemica che potremo porci quando finirà, vivaddio, stà moratoria
sulle polemiche. E se questi ricercatori dovessero risultare, alla fine della festa,
inutili, perché i terremoti non si possono prevedere ( e l' eruzione del Vesuvio ? )
o perché deve fare tutto Bertolaso, allora vabbé.
Ci teniamo il culo sulla polveriera.
E zitti e mosca.



Teresa ( la latitante )


Sfoglia marzo        maggio
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv